L’Unione Europea ha più volte sottolineato l’urgenza di un rinnovamento nell’educazione e sollecitato gli Stati membri ad intervenire con iniziative atte a migliorare i sistemi di formazione degli insegnanti (Pascucci, 2014). In tale contesto gli Atenei, in accordo ai decreti ministeriali, predispongono i relativi percorsi formativi, diversificati per gradi di istruzione e introducendo l’obbligatorietà di frequenza dei laboratori. Il termine stesso laboratorio rimanda al concetto di “lavoro attivo”, un luogo dove è possibile mantenere e legittimare il divenire della professionalizzazione docente. Il laboratorio, dunque, promuove nello studente un apprendimento significativo ovvero in grado di creare un sapere nuovo in grado di produrre conoscenze stabili e durature (Ausubel, 2004; Amenta, 2008; Pedone, 2012). L’approccio Inquiry-Based Laboratory (IBL) si coniuga perfettamente con l’esigenza di creare uno spazio attivo in cui il soggetto è chiamato ad investigare. L’IBL è una strategia educativa in cui docenti e studenti seguono metodi e pratiche simili a quelle dei ricercatori al fine di costruire la conoscenza (Zacharias et al., 2015), caratterizzato dal processo ciclico dell’investigazione e problematizzazione quale Domandare - Ricercare - Creare-Costruire - Discutere - Riflettere. Banchi e Bell (2008) individuano quattro livelli di Inquiry: Confermativo, Strutturato, Guidato e Aperto, in quest’ordine si passa da una forte partecipazione dell’insegnante e scarsa dello studente ad una partecipazione attiva dell’allievo.

Martina Albanese, Lucia Maniscalco (2022). Inquiry-Based Laboratory e formazione dei futuri docenti di sostegno. Apprendere per competenze nel laboratorio di “Didattica speciale: codici del linguaggio logico-matematico”. In M. Lavinia Rizzo, Riccardi V. (a cura di), La formazione degli insegnanti: problemi, prospettive e proposte per una scuola di qualità e aperta a tutti e tutte (pp. 156-160). Pensa MultiMedia Editore.

Inquiry-Based Laboratory e formazione dei futuri docenti di sostegno. Apprendere per competenze nel laboratorio di “Didattica speciale: codici del linguaggio logico-matematico”

Martina Albanese
;
Lucia Maniscalco
2022-01-01

Abstract

L’Unione Europea ha più volte sottolineato l’urgenza di un rinnovamento nell’educazione e sollecitato gli Stati membri ad intervenire con iniziative atte a migliorare i sistemi di formazione degli insegnanti (Pascucci, 2014). In tale contesto gli Atenei, in accordo ai decreti ministeriali, predispongono i relativi percorsi formativi, diversificati per gradi di istruzione e introducendo l’obbligatorietà di frequenza dei laboratori. Il termine stesso laboratorio rimanda al concetto di “lavoro attivo”, un luogo dove è possibile mantenere e legittimare il divenire della professionalizzazione docente. Il laboratorio, dunque, promuove nello studente un apprendimento significativo ovvero in grado di creare un sapere nuovo in grado di produrre conoscenze stabili e durature (Ausubel, 2004; Amenta, 2008; Pedone, 2012). L’approccio Inquiry-Based Laboratory (IBL) si coniuga perfettamente con l’esigenza di creare uno spazio attivo in cui il soggetto è chiamato ad investigare. L’IBL è una strategia educativa in cui docenti e studenti seguono metodi e pratiche simili a quelle dei ricercatori al fine di costruire la conoscenza (Zacharias et al., 2015), caratterizzato dal processo ciclico dell’investigazione e problematizzazione quale Domandare - Ricercare - Creare-Costruire - Discutere - Riflettere. Banchi e Bell (2008) individuano quattro livelli di Inquiry: Confermativo, Strutturato, Guidato e Aperto, in quest’ordine si passa da una forte partecipazione dell’insegnante e scarsa dello studente ad una partecipazione attiva dell’allievo.
Settore M-PED/04 - Pedagogia Sperimentale
9788867609451
Martina Albanese, Lucia Maniscalco (2022). Inquiry-Based Laboratory e formazione dei futuri docenti di sostegno. Apprendere per competenze nel laboratorio di “Didattica speciale: codici del linguaggio logico-matematico”. In M. Lavinia Rizzo, Riccardi V. (a cura di), La formazione degli insegnanti: problemi, prospettive e proposte per una scuola di qualità e aperta a tutti e tutte (pp. 156-160). Pensa MultiMedia Editore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2022-09-16-Siped-Convegno-Nazionale-Roma-Atti-Junior-Conference-2.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Articolo con prime pagine del volume
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 260.73 kB
Formato Adobe PDF
260.73 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/576190
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact