Palermo tra dialogo e negoziazione