Verità instabili. L'eikos in Aristotele