"D'un volgo disperso che nome non ha". Tacito, le masse, le emozioni. Rileggendo il primo libro delle Historiae