Il Marchese di Rocccaverdina tra crisi di coscienza e nuovi spiritualismi di primo '900