Il contributo dell’Educazione Motoria è essenziale per la formazione globale della persona; gli effetti del suo insegnamento sono determinanti sia sul piano educativo sia per la promozione della salute e della socializzazione. Le associazioni di categoria, il mondo accademico e quello scolastico, si stanno interrogando sul sistema di lifewide learning indispensabile per la formazione e per la qualificazione continua dei professionisti dell’educazione motoria. Certi del fatto che il profilo professionale del formatore di Educazione motoria poggi sul principio secondo cui le competenze professionali sono necessarie, perché qualificano il fondamento scientifico dei loro interventi educativi, con lo scopo di promuovere una nuova consapevolezza sul loro agire educativo, anche alla luce della recente riforma legislativa che regola l’accesso a tali professioni e ne amplifica gli spazi occupazionali. La costruzione dell’identità lavorativa specifica del professionista dell’educazione e della formazione motoria impone delle sfide che trovano risposte in teorie e costrutti volti ad un’educazione permanente. Le basi di un’azione formativa efficace vanno quindi riformulate con un focus sul presente ma prendendo in debita considerazione anche il futuro. Il presente lavoro muove da due distinte linee di ricerca: dapprima identificare e valorizzare lo specifico disciplinare, la cultura della motricità umana e i punti di snodo con le altre discipline; per poi individuare le competenze professionali efficaci nell’ambito dell’educazione motoria. Si presentano qui, sinteticamente, gli ambiti peculiari dell’educazione fisica che, oltre a riguardare i processi di apprendimento e sviluppo motorio, comprendono i settori entro cui deve formarsi la professionalità dell’esperto in Educazione Motoria: obiettivo del presente studio è identificarne le competenze formative per individuare il profilo più adeguato rispetto agli obiettivi di orientamento al lavoro. In particolare si sono individuate tre distinte linee professionali all’interno di quest’area che si diramano in molteplici competenze, ci si soffermerà sulla trasferibilità e la trasversalità di queste, e sullo sviluppo di misure relative alle competenze per tutta la vita.

Ferrara Gabriella (2023). La professionalità in Educazione Motoria: riflessioni, scenari attuali e prospettive di orientamento. In Sistemi educativi, Orientamento, Lavoro. Sessione plenaria e sessioni parallele (pp. 433-437). Pensa Multimedia.

La professionalità in Educazione Motoria: riflessioni, scenari attuali e prospettive di orientamento

Ferrara Gabriella
2023-01-01

Abstract

Il contributo dell’Educazione Motoria è essenziale per la formazione globale della persona; gli effetti del suo insegnamento sono determinanti sia sul piano educativo sia per la promozione della salute e della socializzazione. Le associazioni di categoria, il mondo accademico e quello scolastico, si stanno interrogando sul sistema di lifewide learning indispensabile per la formazione e per la qualificazione continua dei professionisti dell’educazione motoria. Certi del fatto che il profilo professionale del formatore di Educazione motoria poggi sul principio secondo cui le competenze professionali sono necessarie, perché qualificano il fondamento scientifico dei loro interventi educativi, con lo scopo di promuovere una nuova consapevolezza sul loro agire educativo, anche alla luce della recente riforma legislativa che regola l’accesso a tali professioni e ne amplifica gli spazi occupazionali. La costruzione dell’identità lavorativa specifica del professionista dell’educazione e della formazione motoria impone delle sfide che trovano risposte in teorie e costrutti volti ad un’educazione permanente. Le basi di un’azione formativa efficace vanno quindi riformulate con un focus sul presente ma prendendo in debita considerazione anche il futuro. Il presente lavoro muove da due distinte linee di ricerca: dapprima identificare e valorizzare lo specifico disciplinare, la cultura della motricità umana e i punti di snodo con le altre discipline; per poi individuare le competenze professionali efficaci nell’ambito dell’educazione motoria. Si presentano qui, sinteticamente, gli ambiti peculiari dell’educazione fisica che, oltre a riguardare i processi di apprendimento e sviluppo motorio, comprendono i settori entro cui deve formarsi la professionalità dell’esperto in Educazione Motoria: obiettivo del presente studio è identificarne le competenze formative per individuare il profilo più adeguato rispetto agli obiettivi di orientamento al lavoro. In particolare si sono individuate tre distinte linee professionali all’interno di quest’area che si diramano in molteplici competenze, ci si soffermerà sulla trasferibilità e la trasversalità di queste, e sullo sviluppo di misure relative alle competenze per tutta la vita.
2023
979 12 5568 059 8
Ferrara Gabriella (2023). La professionalità in Educazione Motoria: riflessioni, scenari attuali e prospettive di orientamento. In Sistemi educativi, Orientamento, Lavoro. Sessione plenaria e sessioni parallele (pp. 433-437). Pensa Multimedia.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2023-11-21-Siped-Convegno-Nazionale-Bologna-Atti-Plenaria-e-Parallele-Definitivo.pdf

accesso aperto

Descrizione: Contributo completo
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 8.3 MB
Formato Adobe PDF
8.3 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/618376
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact