Se vi è un paradigma connotativo dello stesso divenire della Sicilia, è quello riconoscibile in taluni processi insediativi territoriali mai portati a compimento, in virtù di quel valore distintivo di exemplum che non necessita di ulteriori e conclusive dimostrazioni. Il corso della storia, del resto, ha spesso imposto il ciclico riproporsi di destini interrotti in virtù di una ideale, spesso insana, aspirazione ad una eterna palingenesi, resurrezione dopo la morte. Il sistema dei borghi, sottoborghi rurali e delle case coloniche realizzati a partire dagli anni ’40 del Novecento su iniziativa dell’ECLS (Ente per la Colonizzazione del Latifondo Siciliano) costituisce, in tal senso, un esempio dai risvolti paradigmatici per la contrapposta dimensione di chimerica idealità di attuazione iniziale e possibile odierna concreta realizzazione. I nuovi “borghi” siciliani, oggi in gran parte abbandonati e degradati, benché costituiscano un fallimento sul nascere di un anacronistico modello di sviluppo sociale, produttivo e ambientale, rivelano, in molti casi, un’interessante proposizione del rapporto tra modernità e tradizione. Il processo di ‘ruralizzazione’ del territorio nasce come demagogica risposta del regime alla crisi economica del 1929, e mira ad interventi strutturali sui movimenti demografici, perseguendo l’idea della necessità vitale dello “sfollamento” delle città, le cui dinamiche economiche erano ritenute incapaci di assorbire la crescente disoccupazione.

Di Benedetto, G. (2023). Utopia e attualità degli insediamenti rurali di nuova fondazione. In G. Peghin, A. Picone, F. Rispoli (a cura di), Tanti paesi : aree interne e insediamenti rurali (pp. 186-198). Melfi : Libria.

Utopia e attualità degli insediamenti rurali di nuova fondazione

Di Benedetto, Giuseppe
2023-11-01

Abstract

Se vi è un paradigma connotativo dello stesso divenire della Sicilia, è quello riconoscibile in taluni processi insediativi territoriali mai portati a compimento, in virtù di quel valore distintivo di exemplum che non necessita di ulteriori e conclusive dimostrazioni. Il corso della storia, del resto, ha spesso imposto il ciclico riproporsi di destini interrotti in virtù di una ideale, spesso insana, aspirazione ad una eterna palingenesi, resurrezione dopo la morte. Il sistema dei borghi, sottoborghi rurali e delle case coloniche realizzati a partire dagli anni ’40 del Novecento su iniziativa dell’ECLS (Ente per la Colonizzazione del Latifondo Siciliano) costituisce, in tal senso, un esempio dai risvolti paradigmatici per la contrapposta dimensione di chimerica idealità di attuazione iniziale e possibile odierna concreta realizzazione. I nuovi “borghi” siciliani, oggi in gran parte abbandonati e degradati, benché costituiscano un fallimento sul nascere di un anacronistico modello di sviluppo sociale, produttivo e ambientale, rivelano, in molti casi, un’interessante proposizione del rapporto tra modernità e tradizione. Il processo di ‘ruralizzazione’ del territorio nasce come demagogica risposta del regime alla crisi economica del 1929, e mira ad interventi strutturali sui movimenti demografici, perseguendo l’idea della necessità vitale dello “sfollamento” delle città, le cui dinamiche economiche erano ritenute incapaci di assorbire la crescente disoccupazione.
nov-2023
Settore ICAR/14 - Composizione Architettonica E Urbana
Di Benedetto, G. (2023). Utopia e attualità degli insediamenti rurali di nuova fondazione. In G. Peghin, A. Picone, F. Rispoli (a cura di), Tanti paesi : aree interne e insediamenti rurali (pp. 186-198). Melfi : Libria.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
GDB _ Utopia e attualità degli insediamenti rurali di nuova fondazione .pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Saggio completo con copertina e indice volume
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.54 MB
Formato Adobe PDF
1.54 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/618073
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact