Il lavoro analizza, nell’ambito dello sviluppo locale, la materialità del territorio intesa come sua ricchezza endogena in funzione della ricchezza dei luoghi ivi presente. A tal fine il lavoro analizza la recente istituzione in Sicilia del Parco dei Monti Sicani inserito all’interno di una vasta area interna della Sicilia, comprendente dodici comuni e che soffrono di evidenti criticità come la distanza geografica ed economica dai maggiori centri dell’Isola, il progressivo spopolamento e l’assenza di giovani, le debolezze del mercato del lavoro sia dal lato della domanda che dal lato dell’offerta. Oggetto dell’analisi è quello, invece, di associare a questa marginalità un’accezione positiva, fonte di opportunità e sviluppo per i territori tramite la valorizzazione delle risorse locali, quali il patrimonio naturalistico e paesaggistico. In quest’ambito nel Parco si materializza una nuova definizione di identità ed appartenenza , una marginalità positiva per un comprensorio che presenta giacimenti ambientali e di risorse naturali fino ad oggi non osservati e poco utilizzati. Il lavoro, quindi, presenta le potenzialità del nascente Parco intese come nuove opportunità e i diversi costi, benefici e rischi derivanti dalla recente costituzione che si trova nella fase della sua zonizzazione e perimetrizzazione.

PROVENZANO, V. (2010). Aree marginali e sviluppo locale: Il Parco dei Monti Sicani. In XXXI Conferenza scientifica annuale AISRe.

Aree marginali e sviluppo locale: Il Parco dei Monti Sicani

PROVENZANO, Vincenzo
2010-01-01

Abstract

Il lavoro analizza, nell’ambito dello sviluppo locale, la materialità del territorio intesa come sua ricchezza endogena in funzione della ricchezza dei luoghi ivi presente. A tal fine il lavoro analizza la recente istituzione in Sicilia del Parco dei Monti Sicani inserito all’interno di una vasta area interna della Sicilia, comprendente dodici comuni e che soffrono di evidenti criticità come la distanza geografica ed economica dai maggiori centri dell’Isola, il progressivo spopolamento e l’assenza di giovani, le debolezze del mercato del lavoro sia dal lato della domanda che dal lato dell’offerta. Oggetto dell’analisi è quello, invece, di associare a questa marginalità un’accezione positiva, fonte di opportunità e sviluppo per i territori tramite la valorizzazione delle risorse locali, quali il patrimonio naturalistico e paesaggistico. In quest’ambito nel Parco si materializza una nuova definizione di identità ed appartenenza , una marginalità positiva per un comprensorio che presenta giacimenti ambientali e di risorse naturali fino ad oggi non osservati e poco utilizzati. Il lavoro, quindi, presenta le potenzialità del nascente Parco intese come nuove opportunità e i diversi costi, benefici e rischi derivanti dalla recente costituzione che si trova nella fase della sua zonizzazione e perimetrizzazione.
2010
Settore SECS-P/06 - Economia Applicata
www.aisre.it
PROVENZANO, V. (2010). Aree marginali e sviluppo locale: Il Parco dei Monti Sicani. In XXXI Conferenza scientifica annuale AISRe.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
AOSTA_VProvenzano.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: presentazione Paper lingua inglese _Sessione Internazionale della Conferenza
Tipologia: Altro materiale (es. dati della ricerca)
Dimensione 598.98 kB
Formato Adobe PDF
598.98 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Provenzano1.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.34 MB
Formato Adobe PDF
1.34 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/59801
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact