L’esperienza del Progetto Mentore (PM) nasce nel 2013 dalla percezione, da parte di diversi docenti dell’Ateneo di Palermo, che l’Accademia italiana stesse abbandonando a sé stessa la funzione didattica, confidando di fatto nelle capacità di ognuno di organizzarsi, aggiornarsi e valutarsi (Felisatti, Scialdone, Cannarozzo, & Pennisi, 2019; Caradonna, Morale, Pace, Scargiali, Scialdone, & Auteri, 2020). Tale impressione era tra le altre cose basata sul fatto che nessuno dei sistemi di valutazione dei docenti universitari (il processo di abilitazione scientifica nazionale, ma anche la stessa valutazione della qualità dei corsi di studio) mettesse enfasi sulla necessità da parte del docente di essere anche un efficace insegnante, oltre che un bravo ricercatore. Da qui l’idea di organizzarsi autonomamente, con l’obiettivo iniziale di creare gruppi di colleghi che lavorassero insieme al miglioramento della qualità della didattica, su base volontaria.

Marcella Cannarozzo, F.C. (2021). Il progetto Mentori per la Didattica dell’Università degli Studi di Palermo: l’estensione del numero dei partecipanti, la figura del Mentore Senior e le esperienze di innovazione didattica. In A. Lotti, G. Crea, S. Garbarino, F. Picasso, & Scellato Erika (a cura di), Faculty Development e innovazione didattica universitaria (pp. 225-231). Università degli Studi di Genova.

Il progetto Mentori per la Didattica dell’Università degli Studi di Palermo: l’estensione del numero dei partecipanti, la figura del Mentore Senior e le esperienze di innovazione didattica

Marcella Cannarozzo
;
Fabio Caradonna;Maurizio La Guardia;Sonya Vasto;Ilenia Cruciata;Enrico Napoli;Francesco Pace;Maria Antonietta Ragusa;Aldo Nicosia;Gianluca Scaccianoce;Onofrio Scialdone
2021-10

Abstract

L’esperienza del Progetto Mentore (PM) nasce nel 2013 dalla percezione, da parte di diversi docenti dell’Ateneo di Palermo, che l’Accademia italiana stesse abbandonando a sé stessa la funzione didattica, confidando di fatto nelle capacità di ognuno di organizzarsi, aggiornarsi e valutarsi (Felisatti, Scialdone, Cannarozzo, & Pennisi, 2019; Caradonna, Morale, Pace, Scargiali, Scialdone, & Auteri, 2020). Tale impressione era tra le altre cose basata sul fatto che nessuno dei sistemi di valutazione dei docenti universitari (il processo di abilitazione scientifica nazionale, ma anche la stessa valutazione della qualità dei corsi di studio) mettesse enfasi sulla necessità da parte del docente di essere anche un efficace insegnante, oltre che un bravo ricercatore. Da qui l’idea di organizzarsi autonomamente, con l’obiettivo iniziale di creare gruppi di colleghi che lavorassero insieme al miglioramento della qualità della didattica, su base volontaria.
9788836181001
https://gup.unige.it/faculty-development-e-innovazione-didattica-universitaria
Marcella Cannarozzo, F.C. (2021). Il progetto Mentori per la Didattica dell’Università degli Studi di Palermo: l’estensione del numero dei partecipanti, la figura del Mentore Senior e le esperienze di innovazione didattica. In A. Lotti, G. Crea, S. Garbarino, F. Picasso, & Scellato Erika (a cura di), Faculty Development e innovazione didattica universitaria (pp. 225-231). Università degli Studi di Genova.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cannarozzo et al 2021 estratto.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 932.05 kB
Formato Adobe PDF
932.05 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/554754
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact