I processi in atto nelle aree protette dovrebbero concorrere alla conservazione e/o al ripristino della biodiversità di questi territori. Tra tutti i vincoli che insistono su un’area protetta, determinati da diversi strumenti legislativi (es. piani paesistici, regolamenti della riserva/parco, vincoli idrogeologici) la preminenza, ove presenti, spetta a quelli derivanti dalle applicazioni delle norme di tutela dei siti natura 2000. Come diversi studi dimostrano, molte specie rare e/o minacciate della flora vascolare di Lampedusa sono legate agli ambienti agricoli, mentre i consorzi pre-forestali ospitano diverse specie (corbezzolo, fillirea, mirto) non rare a livello regionale ma delle quali va salvaguardato il patrimonio genetico. Gran parte delle specie endemiche e legate agli habitat prioritari locali, appaiono in buona salute, sebbene le praterie corrispondenti all’habitat prioritario 6220, in assenza di disturbo (es. pascolo) tendono ad evolvere gradualmente verso comunità di gariga. I locali rimboschimenti presentano uno scarso valore ecologico ma potrebbero contribuire alla struttura del mosaico ambientale locale se adeguatamente convertiti. In questa sede vengono individuate tre principali destinazioni d’uso, corrispondenti ad altrettante direttrici di intervento, per l’isola: 1) aree agricole dove andrebbero incrementate e supportate attività di agricoltura sostenibile, 2) formazioni di prateria e gariga che andrebbero lasciate alla libera evoluzione senza precludere la possibilità di pascolo moderato e regolamentato, 3) superfici forestali dove bisognerebbe effettuare un graduale diradamento degli impianti artificiali e favorire la diffusione di specie legnose autoctone. L’adozione di questa strategia d’intervento fornirebbe un efficace strumento di pianificazione a lungo termine e consentirebbe di ridurre i tempi di realizzazione degli interventi da sottoporre alla valutazione d’incidenza.

Calì Rosa, Sala Giovanna, Pasta Salvatore, da Silveira Bueno Rafael, La Mantia Tommaso (2021). Efficacia degli strumenti pianificatori operanti in Sicilia per la tutela del paesaggio e della biodiversità: il caso studio di Lampedusa. In I paesaggi italiani verso il 2030: identità, cura e prospettive. Book of abstracts (pp. 33-33).

Efficacia degli strumenti pianificatori operanti in Sicilia per la tutela del paesaggio e della biodiversità: il caso studio di Lampedusa

Sala Giovanna
Secondo
;
da Silveira Bueno Rafael
Penultimo
;
La Mantia Tommaso
Ultimo
2021-11-25

Abstract

I processi in atto nelle aree protette dovrebbero concorrere alla conservazione e/o al ripristino della biodiversità di questi territori. Tra tutti i vincoli che insistono su un’area protetta, determinati da diversi strumenti legislativi (es. piani paesistici, regolamenti della riserva/parco, vincoli idrogeologici) la preminenza, ove presenti, spetta a quelli derivanti dalle applicazioni delle norme di tutela dei siti natura 2000. Come diversi studi dimostrano, molte specie rare e/o minacciate della flora vascolare di Lampedusa sono legate agli ambienti agricoli, mentre i consorzi pre-forestali ospitano diverse specie (corbezzolo, fillirea, mirto) non rare a livello regionale ma delle quali va salvaguardato il patrimonio genetico. Gran parte delle specie endemiche e legate agli habitat prioritari locali, appaiono in buona salute, sebbene le praterie corrispondenti all’habitat prioritario 6220, in assenza di disturbo (es. pascolo) tendono ad evolvere gradualmente verso comunità di gariga. I locali rimboschimenti presentano uno scarso valore ecologico ma potrebbero contribuire alla struttura del mosaico ambientale locale se adeguatamente convertiti. In questa sede vengono individuate tre principali destinazioni d’uso, corrispondenti ad altrettante direttrici di intervento, per l’isola: 1) aree agricole dove andrebbero incrementate e supportate attività di agricoltura sostenibile, 2) formazioni di prateria e gariga che andrebbero lasciate alla libera evoluzione senza precludere la possibilità di pascolo moderato e regolamentato, 3) superfici forestali dove bisognerebbe effettuare un graduale diradamento degli impianti artificiali e favorire la diffusione di specie legnose autoctone. L’adozione di questa strategia d’intervento fornirebbe un efficace strumento di pianificazione a lungo termine e consentirebbe di ridurre i tempi di realizzazione degli interventi da sottoporre alla valutazione d’incidenza.
aree protette, Rete Natura 2000, specie endemiche, pianificazione
Calì Rosa, Sala Giovanna, Pasta Salvatore, da Silveira Bueno Rafael, La Mantia Tommaso (2021). Efficacia degli strumenti pianificatori operanti in Sicilia per la tutela del paesaggio e della biodiversità: il caso studio di Lampedusa. In I paesaggi italiani verso il 2030: identità, cura e prospettive. Book of abstracts (pp. 33-33).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
siep-iale_2022_.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 266.26 kB
Formato Adobe PDF
266.26 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/534713
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact