The experience developed during the research as a fellow – on the topic: Progettazione, organizzazione e gestione di un nuovo Laboratorio di modellistica: metodologie, materiali e strumenti, (Planning, organization and management of a new modeling Laboratory: methodologies, materials and tools) - at Politecnico di Milano, is the background of this abstract proposed for the study-day. From this experience the text focuses on the set-up of the following statement: the architectural model as a tool of representation. The goal is to formulate some methodological procedures, through seven different design actions: digging, cutting, folding, layering, carving, modelling and printing, for the set-up of representation techniques coherent with the projecting topic of the designed space. Seven different design actions coincide, in fact, as a result, likewise types of models: the dug model, the cut model, the folded model, the layered model, the carved model, the modelled model and the additive model

L’esperienza maturata nel corso della ricerca: Progettazione, Organizzazione e Gestione di un nuovo Laboratorio di modellistica: metodologie, materiali e strumenti, (piani cazione, organizzazione e gestione di un nuovo laboratorio di modellazione: metodologie, materiali e strumenti), presso il Politecnico di Milano, è il background di questo articolo proposto per la giornata di studi. Da questa esperienza il testo si concentra sul set-up della seguente dichiarazione: il modello architettonico come strumento di rappresentazione. L’obiettivo è quello di formulare alcune procedure metodologiche, attraverso sette diverse azioni di progetto: scavo, taglio, piegatura, stratificazione, intaglio, modellazione e stampa, per il set-up di tecniche di rappresentazione coerenti con il tema dello spazio progettato. A sette di erenti azioni di progetto coincidono, infatti, di conseguenza, sette tipi di modelli: il modello scavato, il modello tagliato, il modello piegato, il modello strati cato, il modello intagliato, il modello modellato e il modello additivo. Ognuno di questi modelli è associato ad una qualità tettonica chiara e distinta dello spazio, nella sua de nizione etimologica, come arte del costruire. In questo senso, il modello architettonico si de nisce non solo come uno strumento di rappresentazione, come altri strumenti del disegno classico o digitale, ma diventa un utile strumento di identi cazione di uno spazio architettonico progettato. La rappresentazione, in questa condizione di esplorazione attraverso il modello (principalmente un modello di studio) riesce ad essere non solo un mero strumento di indagine, ma anche uno strumento per valutare le qualità spaziali di un’architettura.

Mei, P. (2017). From measuring to revealing. 7 Paradigmatic actions for the construction of models as tools of representation. In De-Sign. Environment Landscape City (pp. 79-79). ITA : David and Matthaus collana Athaeneum.

From measuring to revealing. 7 Paradigmatic actions for the construction of models as tools of representation

Mei, Pasquale
2017

Abstract

L’esperienza maturata nel corso della ricerca: Progettazione, Organizzazione e Gestione di un nuovo Laboratorio di modellistica: metodologie, materiali e strumenti, (piani cazione, organizzazione e gestione di un nuovo laboratorio di modellazione: metodologie, materiali e strumenti), presso il Politecnico di Milano, è il background di questo articolo proposto per la giornata di studi. Da questa esperienza il testo si concentra sul set-up della seguente dichiarazione: il modello architettonico come strumento di rappresentazione. L’obiettivo è quello di formulare alcune procedure metodologiche, attraverso sette diverse azioni di progetto: scavo, taglio, piegatura, stratificazione, intaglio, modellazione e stampa, per il set-up di tecniche di rappresentazione coerenti con il tema dello spazio progettato. A sette di erenti azioni di progetto coincidono, infatti, di conseguenza, sette tipi di modelli: il modello scavato, il modello tagliato, il modello piegato, il modello strati cato, il modello intagliato, il modello modellato e il modello additivo. Ognuno di questi modelli è associato ad una qualità tettonica chiara e distinta dello spazio, nella sua de nizione etimologica, come arte del costruire. In questo senso, il modello architettonico si de nisce non solo come uno strumento di rappresentazione, come altri strumenti del disegno classico o digitale, ma diventa un utile strumento di identi cazione di uno spazio architettonico progettato. La rappresentazione, in questa condizione di esplorazione attraverso il modello (principalmente un modello di studio) riesce ad essere non solo un mero strumento di indagine, ma anche uno strumento per valutare le qualità spaziali di un’architettura.
The experience developed during the research as a fellow – on the topic: Progettazione, organizzazione e gestione di un nuovo Laboratorio di modellistica: metodologie, materiali e strumenti, (Planning, organization and management of a new modeling Laboratory: methodologies, materials and tools) - at Politecnico di Milano, is the background of this abstract proposed for the study-day. From this experience the text focuses on the set-up of the following statement: the architectural model as a tool of representation. The goal is to formulate some methodological procedures, through seven different design actions: digging, cutting, folding, layering, carving, modelling and printing, for the set-up of representation techniques coherent with the projecting topic of the designed space. Seven different design actions coincide, in fact, as a result, likewise types of models: the dug model, the cut model, the folded model, the layered model, the carved model, the modelled model and the additive model
dug, cut, folded, layered, carved, modelled, additive,
978-88-6984-013-5
Mei, P. (2017). From measuring to revealing. 7 Paradigmatic actions for the construction of models as tools of representation. In De-Sign. Environment Landscape City (pp. 79-79). ITA : David and Matthaus collana Athaeneum.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Abstract_Estratto_MEI.pdf

non disponibili

Dimensione 3.48 MB
Formato Adobe PDF
3.48 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/515861
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact