This chapter deals with the theme of regional cuisine in a semiotic key and introduces a specific case of analysis: Sicilian gastronomy. After a brief reconstruction of the historical, anthropological and social studies that have dealt with the subject, the chapter proceeds to the composition of a corpus of Sicilian recipe books that will be the subject of analysis in the rest of the volume. From a semiotic point of view, the textual genre of the regional cookbook constitutes one of the main vehicles for the construction and circulation of regional kitchens and represents, in addition to being a complex and challenging object of analysis, also a tool for the political construction of regionality: the cookbook selects and filters pertinences of different order (actors, times, spaces) corresponding to different points of view and values.

Questo capitolo affronta il tema della cucina regionale in chiave semiotica e introduce un caso di analisi specifico: la gastronomia siciliana. Dopo una breve ricostruzione degli studi storici, antropologici e sociali che si sono occupati dell'argomento, il capitolo procede alla composizione di un corpus di ricettari siciliani che sarà oggetto di analisi nel resto del volume. In chiave semiotica, il genere testuale del ricettario regionale costituisce uno dei principali veicoli di costruzione e circolazione delle cucine regionali e rappresenta, oltre che un oggetto di analisi complesso e sfidante, anche uno strumento di costruzione politica della regionalità: il ricettario seleziona e filtra pertinenze di ordine diverse (attori, tempi, spazi) corrispondenti a punti di vista e valori diversi.

Davide Puca (2020). Come si fa una cucina regionale. Semiotica del gusto e gastrosfera siciliana. In D. Puca, A. Giannitrapani (a cura di), Forme della cucina siciliana. Esercizi di semiotica del gusto (pp. 7-50). Milano : Meltemi.

Come si fa una cucina regionale. Semiotica del gusto e gastrosfera siciliana

Davide Puca
2020

Abstract

Questo capitolo affronta il tema della cucina regionale in chiave semiotica e introduce un caso di analisi specifico: la gastronomia siciliana. Dopo una breve ricostruzione degli studi storici, antropologici e sociali che si sono occupati dell'argomento, il capitolo procede alla composizione di un corpus di ricettari siciliani che sarà oggetto di analisi nel resto del volume. In chiave semiotica, il genere testuale del ricettario regionale costituisce uno dei principali veicoli di costruzione e circolazione delle cucine regionali e rappresenta, oltre che un oggetto di analisi complesso e sfidante, anche uno strumento di costruzione politica della regionalità: il ricettario seleziona e filtra pertinenze di ordine diverse (attori, tempi, spazi) corrispondenti a punti di vista e valori diversi.
Settore M-FIL/05 - Filosofia E Teoria Dei Linguaggi
Davide Puca (2020). Come si fa una cucina regionale. Semiotica del gusto e gastrosfera siciliana. In D. Puca, A. Giannitrapani (a cura di), Forme della cucina siciliana. Esercizi di semiotica del gusto (pp. 7-50). Milano : Meltemi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Come si fa una cucina regionale - Puca.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: intero capitolo
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 732.93 kB
Formato Adobe PDF
732.93 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/492976
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact