Riccobono e la critica interpolazionistica