Various studies show how movement establishes relationships with the environment and how this relationship is decisive in the learning process of each individual. The body is the first means by which the individual experiences the environment, it is the first channel of communication between him and others and will continue to be the privileged intermediary in the relationship with others, between the inner and outer world (Federici, Valentini, Tonini Cardinali, 2008, p.85). The present article stems from the need to describe an intervention proposal that provides for the integration of the Terzi method with exergames, with the aim of enhancing visual-spatial skills and promoting the improvement of writing skills in children with dysgraphia. In particular, the aim of the work was to test the value of didactic practices centred on a conscious and intentional use of the body and its motor potential in order to propose possible didactic paths that use movement in the learning process of writing.

Diversi studi dimostrano come grazie al movimento si instaurino rapporti con l’ambiente e come questa relazione sia determinante nel processo di apprendimento di ogni individuo. Il corpo è il primo mezzo con cui l’individuo sperimenta l’ambiente, è il primo canale di comunicazione fra lui e gli altri e continuerà ad essere l’intermediario privilegiato nella relazione con gli altri, tra il mondo interno e quello esterno a sé (Federici, Valentini, Tonini Cardinali, 2008, p.85). Il presente articolo nasce dall’esigenza di descrivere una proposta di intervento che prevede l’integrazione del metodo Terzi con gli exergames, con lo scopo di potenziare le abilità visuo-spaziali e favorire il miglioramento delle abilità di scrittura nei bambini disgrafici. In particolare, obiettivo del lavoro è stato sperimentare la valenza di prassi didattiche incentrate su un uso consapevole e intenzionale del corpo e delle sue potenzialità motorie al fine di prospettare possibili percorsi didattici che utilizzino il movimento nei processi di apprendimento della scrittura.

Enza Sidoti, Dorotea Rita Di Carlo (2020). DYSGRAPHY AS DYSHARMONY OF BODY MOVEMENT. NEW SCENARIOS BETWEEN TRADITION AND TECHNOLOGY. GIORNALE ITALIANO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE, SPORT E DIDATTICA INCLUSIVA(4), 33-41.

DYSGRAPHY AS DYSHARMONY OF BODY MOVEMENT. NEW SCENARIOS BETWEEN TRADITION AND TECHNOLOGY

Enza Sidoti;Dorotea Rita Di Carlo
2020

Abstract

Diversi studi dimostrano come grazie al movimento si instaurino rapporti con l’ambiente e come questa relazione sia determinante nel processo di apprendimento di ogni individuo. Il corpo è il primo mezzo con cui l’individuo sperimenta l’ambiente, è il primo canale di comunicazione fra lui e gli altri e continuerà ad essere l’intermediario privilegiato nella relazione con gli altri, tra il mondo interno e quello esterno a sé (Federici, Valentini, Tonini Cardinali, 2008, p.85). Il presente articolo nasce dall’esigenza di descrivere una proposta di intervento che prevede l’integrazione del metodo Terzi con gli exergames, con lo scopo di potenziare le abilità visuo-spaziali e favorire il miglioramento delle abilità di scrittura nei bambini disgrafici. In particolare, obiettivo del lavoro è stato sperimentare la valenza di prassi didattiche incentrate su un uso consapevole e intenzionale del corpo e delle sue potenzialità motorie al fine di prospettare possibili percorsi didattici che utilizzino il movimento nei processi di apprendimento della scrittura.
Settore M-PED/01 - Pedagogia Generale E Sociale
Enza Sidoti, Dorotea Rita Di Carlo (2020). DYSGRAPHY AS DYSHARMONY OF BODY MOVEMENT. NEW SCENARIOS BETWEEN TRADITION AND TECHNOLOGY. GIORNALE ITALIANO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE, SPORT E DIDATTICA INCLUSIVA(4), 33-41.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Disgrafia come disarmonia del movimento del corpo.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 272.95 kB
Formato Adobe PDF
272.95 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/478343
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact