Occasionalità di una traduzione poetica: Lucr. 1, 1-16 e le urgenze didattiche di G. Ungaretti