La Sicilia linguistica tra frammentazione e continuità