La Terra Vacua tra destino, rinuncia e stato d’animo