Ettore Spalletti. Lo "spazio per creare" come "spazio della memoria"