“La chiazza orribile della guerra”. Il diarismo inquieto di Orio Vergani