Nel 2009 i media riportano di un caso sportivo che suscita scalpore a livello internazionale: Caster Mokgadi Semenya, atleta sudafricana, dopo aver vinto la medaglia d’oro negli 800 metri femminili ai Mondiali di atletica leggera di Berlino, viene accusata di essere un uomo. A partire da quell’anno, numerosi commenti, articoli e interviste si sono succeduti toccando una questione discussa nella letteratura sulle differenze di genere.

Rizzo Alessandra, S.C. (2019). Costruzioni identitarie e di genere. Il caso Caster Semenya. In Persona, Comunità, Strategie Identitarie (pp. 141-164). Palermo : New Digital Frontiers.

Costruzioni identitarie e di genere. Il caso Caster Semenya

Spinzi Cinzia
;
Zummo Marianna Lya
2019-01-01

Abstract

Nel 2009 i media riportano di un caso sportivo che suscita scalpore a livello internazionale: Caster Mokgadi Semenya, atleta sudafricana, dopo aver vinto la medaglia d’oro negli 800 metri femminili ai Mondiali di atletica leggera di Berlino, viene accusata di essere un uomo. A partire da quell’anno, numerosi commenti, articoli e interviste si sono succeduti toccando una questione discussa nella letteratura sulle differenze di genere.
Settore L-LIN/12 - Lingua E Traduzione - Lingua Inglese
Rizzo Alessandra, S.C. (2019). Costruzioni identitarie e di genere. Il caso Caster Semenya. In Persona, Comunità, Strategie Identitarie (pp. 141-164). Palermo : New Digital Frontiers.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
main_persona.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 3.57 MB
Formato Adobe PDF
3.57 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/398506
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact