Autobiografie linguistiche in uno scritto colto del terzo millennio: Disìo di Silvana Grasso