Il manoscritto dell'Anonimo Epirota: alcune ipotesi filologiche