La ri-mediazione digitale e la dissolvenza dell’io nel Photojournal di Annie Ernaux