St. Peter's Basilica inside the Royal Palace of Palermo, known as the Palatina Chapel, is one of the most popular medieval monuments in Sicily. Built between 1130 and 1163, it contains interesting wooden framings that represent both bearing and inishing structures. Studies on the Arab-Norman church have often concentrated on the very rich and suggestive decorative mosaic apparatus of walls and loorings, as well as the pictorial cycle of wooden ceilings. Knowledge about the constructive techniques adopted and in particular, about the realization of the coverings, is very limited: there are wooden loors built at different levels, vaults and wooden ceilings and among these is the portion that covers the main nave, housing the muqarnas decorations. The fortunate coincidence of the restoration building yard made it possible to gain precious knowledge of this extraordinary wooden structure, also through a laser scanning survey of a signiicant area of the wooden ceiling, performed with a low range device. The collected data adequately represent the geometry and the state of conservation of the ceiling and have been used to develop a spatial and geometrical analysis of the muqarnas and relate it to the structural layout. The survey of the internal and external sides of the covering enabled us to investigate further the materials and constructive techniques employed in this ancient wooden ceiling. At the same time, we were also able to document the original structural system and the completion parts, its conservation status and the interventions and modiications it has undergone through many centuries.

La Basilica di San Pietro, all'interno del Palazzo Reale di Palermo, nota anche come Cappella Palatina, è uno dei monumenti medievali più conosciuti in Sicilia. Costruita tra gli anni 1130 e 1163, contiene opere di carpenteria lignea di grande interesse, sia dal punto di vista strutturale che per quanto attiene gli aspetti decorativi. Gli studi sulla chiesa arabo-normanna si sono il più delle volte concentrati sul ricco e suggestivo apparato musivo, sia sulle pareti che nelle pavimentazioni, così come sul ciclo pittorico dei soffitti in legno. La conoscenza delle tecniche costruttive adottate e, in particolare, dei sistemi di impalcato della copertura, è molto limitata: si ritrovano solai di copertura impostati a quote differenti, ma anche volte e soffitti in legno e, fra tutti, particolare qualità ha il soffitto decorato a muqarnas che copre la navata principale. La fortunata coincidenza del cantiere di restauro ha permesso di acquisire preziosi elementi di conoscenza di questa straordinaria struttura in legno, anche attraverso un rilievo a mezzo di scansione laser di un'importante area del soffitto a muqarnas eseguita con un dispositivo a bassa portata. I dati raccolti rappresentano adeguatamente la geometria e lo stato di conservazione del soffitto e sono stati utilizzati per sviluppare un'analisi spaziale e geometrica del soffitto stesso di correlarla allo schema statico-strutturale. L'indagine sia all’estradosso che all’intradosso ha permesso di approfondire i materiali e le tecniche costruttive impiegate per la realizzazione di questo soffitto in legno. Allo stesso tempo, si sono potuti documentare sia l'originale sistema strutturale che le parti di completamento, lo stato di conservazione e gli interventi e le modifiche subiti nel corso dei secoli.

Fatta, G., Campisi, T., Li Castri, M., & Costa, G. (2017). The muqarnas ceiling of the Palatina Chapel in Palermo. CONSERVATION SCIENCE IN CULTURAL HERITAGE, 17, 65-85 [10.6092/issn.1973-9494/7940].

The muqarnas ceiling of the Palatina Chapel in Palermo

Fatta, G.
;
Campisi, T.;Li Castri, M.;Costa, G
2017

Abstract

La Basilica di San Pietro, all'interno del Palazzo Reale di Palermo, nota anche come Cappella Palatina, è uno dei monumenti medievali più conosciuti in Sicilia. Costruita tra gli anni 1130 e 1163, contiene opere di carpenteria lignea di grande interesse, sia dal punto di vista strutturale che per quanto attiene gli aspetti decorativi. Gli studi sulla chiesa arabo-normanna si sono il più delle volte concentrati sul ricco e suggestivo apparato musivo, sia sulle pareti che nelle pavimentazioni, così come sul ciclo pittorico dei soffitti in legno. La conoscenza delle tecniche costruttive adottate e, in particolare, dei sistemi di impalcato della copertura, è molto limitata: si ritrovano solai di copertura impostati a quote differenti, ma anche volte e soffitti in legno e, fra tutti, particolare qualità ha il soffitto decorato a muqarnas che copre la navata principale. La fortunata coincidenza del cantiere di restauro ha permesso di acquisire preziosi elementi di conoscenza di questa straordinaria struttura in legno, anche attraverso un rilievo a mezzo di scansione laser di un'importante area del soffitto a muqarnas eseguita con un dispositivo a bassa portata. I dati raccolti rappresentano adeguatamente la geometria e lo stato di conservazione del soffitto e sono stati utilizzati per sviluppare un'analisi spaziale e geometrica del soffitto stesso di correlarla allo schema statico-strutturale. L'indagine sia all’estradosso che all’intradosso ha permesso di approfondire i materiali e le tecniche costruttive impiegate per la realizzazione di questo soffitto in legno. Allo stesso tempo, si sono potuti documentare sia l'originale sistema strutturale che le parti di completamento, lo stato di conservazione e gli interventi e le modifiche subiti nel corso dei secoli.
Settore ICAR/10 - Architettura Tecnica
Fatta, G., Campisi, T., Li Castri, M., & Costa, G. (2017). The muqarnas ceiling of the Palatina Chapel in Palermo. CONSERVATION SCIENCE IN CULTURAL HERITAGE, 17, 65-85 [10.6092/issn.1973-9494/7940].
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
7940-Article Text-24365-1-10-20180326.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 2.24 MB
Formato Adobe PDF
2.24 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/264693
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact