Urged by the recent Italian law on civil unions and partnerships, this essay compares Italian and German succession law in the light of the Regulation (EU) No 650/2012 on appli-cable law in matters of succession. Recalling the close link between regulation of family relationships and regulation of suc-cession to the estates of deceased persons, the scrutiny of the two legal systems is dealt ac-cording to two different guidelines: the dichotomy of equal / different treatment between official couples and unmarried couples in relation to the succession; the freedom enjoyed by private individuals in matters of succession. The various critical issues emerging in the legislative texts of the two regimes lead to the conclusion that a reform of Italian discipline would be necessary. Especially, in order to make the municipal succession law more consistent with the principles of freedom and re-sponsibility presiding family relationships; and to ensure an effective protection of the dif-ferent relationships and family models that are being established in the European scope, increasingly interconnected from a legal point of view as well. Even in the German system a reform in order to ensure adequate protection for the in-dividual’s affective interests, when it does not coincide with codified family relationships (de facto partner, step-child in a reconstituted family), would be desirable.

Sollecitato dalla recente legge italiana in tema di unioni civili e convivenze, il saggio met-te a confronto il diritto successorio italiano e quello tedesco alla luce del regolamento euro-peo 650/2012 in materia di legge applicabile alle successioni a causa di morte. Ricordato l’intimo nesso tra disciplina dei rapporti familiari e regolamentazione delle successioni a causa di morte, lo scrutinio dei due sistemi viene affrontato secondo due diret-trici di indagine: la dicotomia uguaglianza/diversità di trattamento tra coppie ufficiali e coppie non registrate in relazione alla vicenda successoria; la libertà di cui godono i privati in àmbito successorio. Le diverse criticità emerse nella trama normativa dei due ordinamenti esaminati spingo-no in conclusione a ritenere quanto mai auspicabile una riforma della disciplina italiana al-lo scopo di rendere il sistema successorio municipale quanto più possibile aderente ai prin-cipî di libertà e responsabilità che presiedono alle relazioni familiari e di assicurare una ef-fettiva tutela dei diversi modelli familiari e di relazioni affettive che si vanno affermando nella dimensione europea, sempre più interconnessa anche dal punto di vista giuridico. Anche nell’ordinamento tedesco sarebbe auspicabile un più limitato intervento riforma-tore volto di assicurare una adeguata tutela all’interesse affettivo della persona quando non coincide con relazioni familiari codificate (partner di fatto, figlio degli affetti).

Venuti, M. (2017). I DIRITTI SUCCESSORI DELLA PERSONA UNITA CIVILMENTE E DEL CONVIVENTE DI FATTO: UN CONFRONTO CON IL SISTEMA TEDESCO. EUROPA E DIRITTO PRIVATO, 4/2017(4/2017), 1241-1263.

I DIRITTI SUCCESSORI DELLA PERSONA UNITA CIVILMENTE E DEL CONVIVENTE DI FATTO: UN CONFRONTO CON IL SISTEMA TEDESCO

Venuti, MC
2017

Abstract

Sollecitato dalla recente legge italiana in tema di unioni civili e convivenze, il saggio met-te a confronto il diritto successorio italiano e quello tedesco alla luce del regolamento euro-peo 650/2012 in materia di legge applicabile alle successioni a causa di morte. Ricordato l’intimo nesso tra disciplina dei rapporti familiari e regolamentazione delle successioni a causa di morte, lo scrutinio dei due sistemi viene affrontato secondo due diret-trici di indagine: la dicotomia uguaglianza/diversità di trattamento tra coppie ufficiali e coppie non registrate in relazione alla vicenda successoria; la libertà di cui godono i privati in àmbito successorio. Le diverse criticità emerse nella trama normativa dei due ordinamenti esaminati spingo-no in conclusione a ritenere quanto mai auspicabile una riforma della disciplina italiana al-lo scopo di rendere il sistema successorio municipale quanto più possibile aderente ai prin-cipî di libertà e responsabilità che presiedono alle relazioni familiari e di assicurare una ef-fettiva tutela dei diversi modelli familiari e di relazioni affettive che si vanno affermando nella dimensione europea, sempre più interconnessa anche dal punto di vista giuridico. Anche nell’ordinamento tedesco sarebbe auspicabile un più limitato intervento riforma-tore volto di assicurare una adeguata tutela all’interesse affettivo della persona quando non coincide con relazioni familiari codificate (partner di fatto, figlio degli affetti).
Settore IUS/01 - Diritto Privato
Venuti, M. (2017). I DIRITTI SUCCESSORI DELLA PERSONA UNITA CIVILMENTE E DEL CONVIVENTE DI FATTO: UN CONFRONTO CON IL SISTEMA TEDESCO. EUROPA E DIRITTO PRIVATO, 4/2017(4/2017), 1241-1263.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Maria Carmela Venuti.pdf

Solo gestori archvio

Dimensione 123.24 kB
Formato Adobe PDF
123.24 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/264103
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact