SUL TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE LESIONI ESOFAGEE DA CAUSTICI