Preposizioni e defocalizzazione dell’agente in italoromanzo