Architectural interventions in historical contexts throughout most of the 20th century were inter-linked by the two extremes of conservation and transformation. In the 1980s, in Italy, an important step forward was taken along the theoretical and operational path towards the approach as demanded by the current and future conditions of historical urban areas: long-term strategy oriented; more responsible; multi-scale and including the entire contemporary urban settlement. The experience of Culotta & Leone in the Historic Centre of Cefalù may well constitute a unicum, as a result of their particular anchoring to the social context, and yet it offers an interesting example of continuity (between plan, architectural design and execution) that gave substance to architectural solutions which may be seen as an evolving continuity of the historical remains.

Per gran parte del Novecento gli interventi architettonici nei contesti storici sono stati ricondotti entro i poli della conservazione e trasformazione. In Italia gli anni Ottanta hanno segnato una tappa decisiva nel percorso teorico, metodologico e operativo verso l’approccio richiesto dalle attuali e futuribili condizioni delle aree urbane di antico impianto: guidato da strategie a lungo termine; più responsabile; multiscalare e includente l’intera città contemporanea. L’esperienza di Culotta e Leone nel centro storico di Cefalù, pur costituendo un unicum per il loro ancoramento alla realtà sociale del luogo, fornisce un interessante esempio di continuità tra piano, progetto e attuazione che ha dato corpo a soluzioni progettuali in continuità evolutiva con le preesistenze storiche.

Di Benedetto, G., Germanà, M.L. (2016). Architetture di Culotta e Leone nel centro storico di Cefalù: piano, progetto e attuazione. TECHNE, 6(12), 152-159 [10.13128/Techne-19347].

Architetture di Culotta e Leone nel centro storico di Cefalù: piano, progetto e attuazione

DI BENEDETTO, Giuseppe;GERMANA', Maria Luisa
2016-01-01

Abstract

Per gran parte del Novecento gli interventi architettonici nei contesti storici sono stati ricondotti entro i poli della conservazione e trasformazione. In Italia gli anni Ottanta hanno segnato una tappa decisiva nel percorso teorico, metodologico e operativo verso l’approccio richiesto dalle attuali e futuribili condizioni delle aree urbane di antico impianto: guidato da strategie a lungo termine; più responsabile; multiscalare e includente l’intera città contemporanea. L’esperienza di Culotta e Leone nel centro storico di Cefalù, pur costituendo un unicum per il loro ancoramento alla realtà sociale del luogo, fornisce un interessante esempio di continuità tra piano, progetto e attuazione che ha dato corpo a soluzioni progettuali in continuità evolutiva con le preesistenze storiche.
Settore ICAR/14 - Composizione Architettonica E Urbana
Settore ICAR/12 - Tecnologia Dell'Architettura
http://www.fupress.net/index.php/techne/issue/current
Di Benedetto, G., Germanà, M.L. (2016). Architetture di Culotta e Leone nel centro storico di Cefalù: piano, progetto e attuazione. TECHNE, 6(12), 152-159 [10.13128/Techne-19347].
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Techne.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 4.51 MB
Formato Adobe PDF
4.51 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/215359
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact