Historical, geometrical, material, stratigraphic and technological knowledge of the item constitute the prerequisites for project-design of protective shelters that are capable of per-forming the dual roles of conservation and fruition of the item, which, through new forms and instruments of communication, will be able to re-possess its lost identity and have its real value acknowledged. This contribution provides elements for reflection, also utilizing previously completed and consolidated interventions, for the evaluation of systems of protection of archaeological heritage in the pre-design phase of the interventions of conservation and valorization.

Tra i beni culturali quelli archeologici hanno più animato il dibattito culturale sul rapporto fra conservazione e valorizzazione. La fragilità con cui la materia ci viene consegnata dalla storia, la frammentarietà del reperto, la scarsa disponibilità di risorse finanziarie, in relazione anche alla vastità del patrimonio a noi pervenuto, impongono interventi mirati e talvolta urgenti per la salvaguardia e la conservazione di tali beni. Ma la sola conservazione non può costituire l’obiettivo ultimo dell’intervento: essa deve interessare anche azioni di messa in valore, di fruizione e di comunicazione, necessarie per favorire un nuovo ruolo a queste realtà private dell’originaria identità. Questo contributo fornisce elementi di riflessione per la valutazione dei sistemi di protezione del patrimonio archeologico in fase di pre-progettazione degli interventi di conservazione e valorizzazione.

Sposito, C. (2014). PROTEGGERE E VALORIZZARE: RIFLESSIONI PER UNA BUONA PRATICA SUI SITI ARCHEOLOGICI. In S. Della Torre (a cura di), LA STRATEGIA DELLA CONSERVAZIONE PROGRAMMATA: dalla progettazione delle attività alla valutazione degli impatti. Proceedings ofthe International Conference Preventive and Planned Conservation: Monza, Mantova - 5-9 May 2014 - Volume 1 (pp. 151-161). Milano : Nardini.

PROTEGGERE E VALORIZZARE: RIFLESSIONI PER UNA BUONA PRATICA SUI SITI ARCHEOLOGICI

SPOSITO, Cesare
2014

Abstract

Tra i beni culturali quelli archeologici hanno più animato il dibattito culturale sul rapporto fra conservazione e valorizzazione. La fragilità con cui la materia ci viene consegnata dalla storia, la frammentarietà del reperto, la scarsa disponibilità di risorse finanziarie, in relazione anche alla vastità del patrimonio a noi pervenuto, impongono interventi mirati e talvolta urgenti per la salvaguardia e la conservazione di tali beni. Ma la sola conservazione non può costituire l’obiettivo ultimo dell’intervento: essa deve interessare anche azioni di messa in valore, di fruizione e di comunicazione, necessarie per favorire un nuovo ruolo a queste realtà private dell’originaria identità. Questo contributo fornisce elementi di riflessione per la valutazione dei sistemi di protezione del patrimonio archeologico in fase di pre-progettazione degli interventi di conservazione e valorizzazione.
Settore ICAR/12 - Tecnologia Dell'Architettura
978-88-404-0314-4
Sposito, C. (2014). PROTEGGERE E VALORIZZARE: RIFLESSIONI PER UNA BUONA PRATICA SUI SITI ARCHEOLOGICI. In S. Della Torre (a cura di), LA STRATEGIA DELLA CONSERVAZIONE PROGRAMMATA: dalla progettazione delle attività alla valutazione degli impatti. Proceedings ofthe International Conference Preventive and Planned Conservation: Monza, Mantova - 5-9 May 2014 - Volume 1 (pp. 151-161). Milano : Nardini.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Volume 1_p. 151_Sposito.pdf

accesso aperto

Descrizione: Sposito Cesare Proteggere e Valorizzare
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.22 MB
Formato Adobe PDF
1.22 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/201445
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact