Movimenti che disturbano lo spazio della narrazione. Micro-diario di un viaggio (im)possibile