Giovani devianti, desistenza dal crimine, riflessività: note su una ricerca