The paper analyses two testimonies of Baroque architecture in east-central Sicily and presents a summary of the considerations raised during the execution of diagnostic tests and the development of restoration projects. In particular, the research, also based on the archival research, is developed by a cognitive process that integrates the analysis of the state of preservation, the diagnosis of the forms of alteration and the choice of the compatible restoration techniques. In addition to preserving the monuments, the revitalization of the two churches is implemented through the re-use of some areas as exhibition spaces. The cataloguing of antique furnishings, sacred objects, works of pictorial art and ecclesiastical robes helped to highlight the substantial value of the artistic equipment of churches. The exhibition itineraries are designed within the churches. The layout of the spaces, in respect of a correct historical reading, heads towards the contemporary definition of the elements for the fruition and intends to reintroduce the two architectures in a widespread museum system, connected to the religious tourism.

Il contributo analizza due testimonianze dell’architettura barocca nella Sicilia centro-orientale e presenta una sintesi delle riflessioni sorte durante l’esecuzione delle indagini diagnostiche e l’elaborazione dei progetti di restauro. In particolare, la ricerca, che trova nello studio storico-archivistico il suo determinate incipit, si sviluppa mediante un percorso conoscitivo che integra l’analisi dello stato di conservazione, la diagnosi delle forme d’alterazione e la scelta delle tecniche di restauro compatibili. Al fine della conservazione si accosta la volontà di rivitalizzare le due chiese attraverso il riuso di alcuni ambienti con la destinazione a spazi espositivi. La catalogazione di antichi arredi, oggetti sacri, opere d’arte pittorica ed abiti ecclesiastici ha contribuito a evidenziare il cospicuo valore del corredo storico-artistico delle chiese. I progetti prevedono la realizzazione di percorsi espositivi; l’allestimento degli spazi, nel rispetto d’una corretta lettura storica, s’indirizza verso la definizione contemporanea degli elementi per la fruizione ed intende reintrodurre le due architetture in un sistema museale diffuso, connesso al turismo religioso.

Ventimiglia, G., Gatto, G., Vaccaro, T. (2015). The restoration and reuse of sacred spaces in historical architecture: the Church of the Santissimo Salvatore in Naro and the Church of Santa Maria delle Stelle in Comiso, Sicily. In ReUSO. III Congreso Internacional sobre Documentación, Conservación y Reutilización del Patrimonio Arquitectónico y Paisajístico (pp. 1208-1215). Valencia : Editorial Universitat Politècnica de València.

The restoration and reuse of sacred spaces in historical architecture: the Church of the Santissimo Salvatore in Naro and the Church of Santa Maria delle Stelle in Comiso, Sicily

VENTIMIGLIA, Gaspare;
2015

Abstract

Il contributo analizza due testimonianze dell’architettura barocca nella Sicilia centro-orientale e presenta una sintesi delle riflessioni sorte durante l’esecuzione delle indagini diagnostiche e l’elaborazione dei progetti di restauro. In particolare, la ricerca, che trova nello studio storico-archivistico il suo determinate incipit, si sviluppa mediante un percorso conoscitivo che integra l’analisi dello stato di conservazione, la diagnosi delle forme d’alterazione e la scelta delle tecniche di restauro compatibili. Al fine della conservazione si accosta la volontà di rivitalizzare le due chiese attraverso il riuso di alcuni ambienti con la destinazione a spazi espositivi. La catalogazione di antichi arredi, oggetti sacri, opere d’arte pittorica ed abiti ecclesiastici ha contribuito a evidenziare il cospicuo valore del corredo storico-artistico delle chiese. I progetti prevedono la realizzazione di percorsi espositivi; l’allestimento degli spazi, nel rispetto d’una corretta lettura storica, s’indirizza verso la definizione contemporanea degli elementi per la fruizione ed intende reintrodurre le due architetture in un sistema museale diffuso, connesso al turismo religioso.
Settore ICAR/19 - Restauro
978-84-9048-386-2
http://reuso2015.blogs.upv.es/
Ventimiglia, G., Gatto, G., Vaccaro, T. (2015). The restoration and reuse of sacred spaces in historical architecture: the Church of the Santissimo Salvatore in Naro and the Church of Santa Maria delle Stelle in Comiso, Sicily. In ReUSO. III Congreso Internacional sobre Documentación, Conservación y Reutilización del Patrimonio Arquitectónico y Paisajístico (pp. 1208-1215). Valencia : Editorial Universitat Politècnica de València.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Reuso Valencia Gatto Vaccaro Ventimiglia.pdf

accesso aperto

Descrizione: Copertine, indice, organizzatori, comitati, full paper
Dimensione 1.07 MB
Formato Adobe PDF
1.07 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/160149
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact