Architecture in early modern Sardinia is characterized by a strong continuity with previous practices. In the second half of the sixteenth century, new models join the Gothic building tradition, linked in particular to trends in military engineering and Classicism of the Catholic Counter-Reformation. The Jesuit church in Sassari offers an interesting example of the intertwining of these architectural modes, which originated with a sudden change of leadership at the site. Giovan Maria Bernardoni, an Italian Jesuit architect, initially modelled the church after the Gesù in Rome, and it was partially built under his direction. After his departure from Sardinia, local master builders finished the construction, following the Gothic tradition and possibly some external influences. This article analyzes the church, particularly focusing on the challenges presented by its articulated vaulting system completed between 1587 and 1609.

L'architettura nella Sardegna di età moderna è caratterizzata da una forte continuità con pratiche antecedenti. Nella seconda metà del XVI secolo, nuovi modelli, legati in particolare alle nuove tendenze nel campo dell'architettura militare e il classicismo della controriforma cattolica, affiancano la tradizione costruttiva gotica.La chiesa dei Gesuiti di Sassari offre un interessante esempio di intreccio tra queste modalità architettoniche, causato da un improvviso cambio alla guida del cantiere. Giovan Maria Bernardoni, un architetto gesuita italiano, redasse il progetto iniziale della chiesa sul modello del Gesù di Roma, ed essa fu parzialmente costruita sotto la sua direzione. Dopo la sua partenza dalla Sardegna, maestri locali completarono la costruzione,realizzando strutture proprie della tradizione gotica, con qualche possibile interferenza esterna. Questo articolo analizza la chiesa, concentrandosi in particolare sulle sfide poste dal suo articolato sistema di volte, completato tra 1587 e 1609.

Garofalo, E. (2014). New Architectural Models and Building Tradition: A Dialogue in Early Modern Sardinia - The Jesuit Church in Sassari. INTERNATIONAL JOURNAL OF ARCHITECTURAL HERITAGE, 9(2), 143-156 [10.1080/15583058.2014.951798].

New Architectural Models and Building Tradition: A Dialogue in Early Modern Sardinia - The Jesuit Church in Sassari

GAROFALO, Emanuela
2014

Abstract

L'architettura nella Sardegna di età moderna è caratterizzata da una forte continuità con pratiche antecedenti. Nella seconda metà del XVI secolo, nuovi modelli, legati in particolare alle nuove tendenze nel campo dell'architettura militare e il classicismo della controriforma cattolica, affiancano la tradizione costruttiva gotica.La chiesa dei Gesuiti di Sassari offre un interessante esempio di intreccio tra queste modalità architettoniche, causato da un improvviso cambio alla guida del cantiere. Giovan Maria Bernardoni, un architetto gesuita italiano, redasse il progetto iniziale della chiesa sul modello del Gesù di Roma, ed essa fu parzialmente costruita sotto la sua direzione. Dopo la sua partenza dalla Sardegna, maestri locali completarono la costruzione,realizzando strutture proprie della tradizione gotica, con qualche possibile interferenza esterna. Questo articolo analizza la chiesa, concentrandosi in particolare sulle sfide poste dal suo articolato sistema di volte, completato tra 1587 e 1609.
Settore ICAR/18 - Storia Dell'Architettura
https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/15583058.2014.951798?journalCode=uarc20
Garofalo, E. (2014). New Architectural Models and Building Tradition: A Dialogue in Early Modern Sardinia - The Jesuit Church in Sassari. INTERNATIONAL JOURNAL OF ARCHITECTURAL HERITAGE, 9(2), 143-156 [10.1080/15583058.2014.951798].
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Garofalo E. Journal Arch. Heritage.2014.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Testo integrale
Dimensione 1.1 MB
Formato Adobe PDF
1.1 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/99146
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact