Le Confabulationes di Poggio e il «palcoscenico» della Curia