The essay analyzes cases of non fulfilment concerning procedures of over-indebtedness crisis composition, provided in Italy, for consumer and other debtors exempted from common bankruptcy procedures, by Act 27 January 2012 n. 3, as a consequence of negligence or impossibility in fulfilling obligations of the relevant program or plan, or of subsequent bankruptcy of the proposer, with the aim of answering to some questions in a possible systematic logic. For this purpose, it makes a comparison with the techniques of composition with creditors, reorganization and adjustment of debts provided by the Italian Bankruptcy Act; and in this perspective explores the possibility to solve two specific issues, related to effects of subsequent bankruptcy on compositions with creditors according to section 182-bis of Bankruptcy Act, and to the significance of single debts non-fulfilments on the persistence or dissolution of the over-indebtedness composition procedure.

Il saggio ha per oggetto le vicende di inattuazione delle procedure di composizione della crisi, ex l. n. 3/2012, in ragione dell’inadempimento o dell’impossibilità sopravvenuta di esecuzione del contenuto obbligatorio del relativo accordo o piano, o del sopraggiungere del fallimento del proponente, nell’intento di risolvere alcuni interrogativi in una possibile chiave sistematica. A tal fine, procede ad un confronto con gli strumenti, previsti dalla legge fallimentare, del concordato preventivo e dell’accordo di ristrutturazione dei debiti; ed in tale prospettiva esplora la possibilità di dare soluzione ad un paio di problemi interpretativi, relativi: agli effetti del successivo fallimento del debitore sugli accordi di ristrutturazione dei debiti, ai sensi dell’art. 182 bis l.fall.; ed al rilievo degli inadempimenti relativi a singole posizioni debitorie sulle procedure di rimedio al sovraindebitamento.

Perrino, M. (2014). LA “CRISI” DELLE PROCEDURE DI RIMEDIO AL SOVRAINDEBITAMENTO (E DEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI). GIUSTIZIA CIVILE, 2014(2), 435-467.

LA “CRISI” DELLE PROCEDURE DI RIMEDIO AL SOVRAINDEBITAMENTO (E DEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI)

PERRINO, Michele
2014-01-01

Abstract

Il saggio ha per oggetto le vicende di inattuazione delle procedure di composizione della crisi, ex l. n. 3/2012, in ragione dell’inadempimento o dell’impossibilità sopravvenuta di esecuzione del contenuto obbligatorio del relativo accordo o piano, o del sopraggiungere del fallimento del proponente, nell’intento di risolvere alcuni interrogativi in una possibile chiave sistematica. A tal fine, procede ad un confronto con gli strumenti, previsti dalla legge fallimentare, del concordato preventivo e dell’accordo di ristrutturazione dei debiti; ed in tale prospettiva esplora la possibilità di dare soluzione ad un paio di problemi interpretativi, relativi: agli effetti del successivo fallimento del debitore sugli accordi di ristrutturazione dei debiti, ai sensi dell’art. 182 bis l.fall.; ed al rilievo degli inadempimenti relativi a singole posizioni debitorie sulle procedure di rimedio al sovraindebitamento.
Settore IUS/04 - Diritto Commerciale
Settore IUS/05 - Diritto Dell'Economia
Perrino, M. (2014). LA “CRISI” DELLE PROCEDURE DI RIMEDIO AL SOVRAINDEBITAMENTO (E DEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI). GIUSTIZIA CIVILE, 2014(2), 435-467.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Estratto.pdf

accesso aperto

Descrizione: Estratto pdf
Dimensione 3.7 MB
Formato Adobe PDF
3.7 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/96267
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact