Utopie e disincanti nella scrittura di Consolo