Quando la semplificazione diventa un disvalore