Il brasiliano Edoardo Kac è stato tra i primi artisti biotecnologici ad applicare l’ingegneria genetica all’arte, dando avvio a quella che egli stesso nel 1998 ha definito Transgenic Art. Le sue creazioni di animali fluorescenti hanno turbato le coscienze e sono state spesso superficialmente reputate un’esibizione di mera spettacolarità al fine di emulare, non più solo a livello metaforico, il potere creativo di Dio. In realtà gli organismi fluorescenti che hanno conferito a Kac popolarità mediatica non s’iscrivono nella categoria della creatività volta a conferire nuovo prestigio all’artista-dio, secondo l’analogia imperante nel Rinascimento e nel Romanticismo, bensì in quell’estetica del dialogo di cui Edoardo Kac si fa promotore in tutti i suoi progetti artistici.

Di Stefano, E. (2012). Creatività e arte transgenica. AESTHETICA. PRE-PRINT, 96(96), 77-82.

Creatività e arte transgenica

DI STEFANO, Elisabetta
2012-01-01

Abstract

Il brasiliano Edoardo Kac è stato tra i primi artisti biotecnologici ad applicare l’ingegneria genetica all’arte, dando avvio a quella che egli stesso nel 1998 ha definito Transgenic Art. Le sue creazioni di animali fluorescenti hanno turbato le coscienze e sono state spesso superficialmente reputate un’esibizione di mera spettacolarità al fine di emulare, non più solo a livello metaforico, il potere creativo di Dio. In realtà gli organismi fluorescenti che hanno conferito a Kac popolarità mediatica non s’iscrivono nella categoria della creatività volta a conferire nuovo prestigio all’artista-dio, secondo l’analogia imperante nel Rinascimento e nel Romanticismo, bensì in quell’estetica del dialogo di cui Edoardo Kac si fa promotore in tutti i suoi progetti artistici.
Settore M-FIL/04 - Estetica
www1.unipa.it/~estetica/download/E&M.pdf
Di Stefano, E. (2012). Creatività e arte transgenica. AESTHETICA. PRE-PRINT, 96(96), 77-82.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Di Stefano_Creatività e arte transgenica-Aesthetica Preprint 2012.pdf

accesso aperto

Dimensione 100.1 kB
Formato Adobe PDF
100.1 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/95490
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact