Prevenzione della malattia e promozione della salute: possibile sintesi o dicotomia insanabile tra medicina e pedagogia?