Sui limiti temporali delle nuove contestazioni: una questione da ripensare