Verba manent: l’oralità tra storia e memoria