Nell’arte greca e romana, la rappresentazione di ferite corporee è solitamente poco enfatizzata e subordinata a una logica narrativa, poiché le lesioni sono di norma giustificate dagli avvenimenti nei quali i personaggi appaiono coinvolti. La stessa considerazione vale anche per le medicazioni, che di norma riguardano ferite in battaglia. Vi è però qualche raro caso di scene più quotidiane, raffiguranti un’attività di tipo ambulatoriale.

Rambaldi, S. (2014). Feriti e bendaggi nell’arte greca e romana. NAUTILUS, 2014(8.1), 33-37.

Feriti e bendaggi nell’arte greca e romana

RAMBALDI, Simone
2014-01-01

Abstract

Nell’arte greca e romana, la rappresentazione di ferite corporee è solitamente poco enfatizzata e subordinata a una logica narrativa, poiché le lesioni sono di norma giustificate dagli avvenimenti nei quali i personaggi appaiono coinvolti. La stessa considerazione vale anche per le medicazioni, che di norma riguardano ferite in battaglia. Vi è però qualche raro caso di scene più quotidiane, raffiguranti un’attività di tipo ambulatoriale.
Settore L-ANT/07 - Archeologia Classica
Rambaldi, S. (2014). Feriti e bendaggi nell’arte greca e romana. NAUTILUS, 2014(8.1), 33-37.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Nautilus 1-2014_1-3-33-37.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo su rivista
Dimensione 623.62 kB
Formato Adobe PDF
623.62 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/91545
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact