Sul rapporto tra il katà pòdas e le traduzioni letterali di Taleleo dei rescritti in latino del Codex