Nell’ultimo ventennio il capitalismo globale si è sempre più staccato dall’economia reale, dalla centralità dell’industria, del lavoro, della produzione di beni. New Economy, finanziarizzazione, terziarizzazione, delocalizzazioni, deregolamentazioni, “soldi per soldi”. Era tutto facile, quasi magico: tanta borsa, poco prodotto. Molti sogni, poca realtà. Ci son rimaste le macerie: un incubo chiamato recessione. Di questo processo ha fatto parte l’architettura, perdendosi in congetture lontane dalla realtà: decostruzioni, Derrida, Teoria del caos, fascino compiacente per l’estetica delle megalopoli e dei non-luoghi periferici. In questo ventennio Bergamo, territorio in cui l’industria ha avuto storicamente un ruolo centrale, ha visto scomparire fette importanti della sua economia con ferite geografiche indelebili. Un esempio: l’area ex OTE, area sulla quale ci è stato chiesto di riflettere attraverso un progetto nell’ambito della Scuola Estiva Internazionale organizzata dal DIAP del Politecnico di Milano. Il tema al quale dovevamo rispondere era: “Architettura urbana e nuove forme della produzione”.

Carboni Maestri, G. (2011). Premio Bergamo d'Architettura 2011: dalle Macerie dell'Economia dei Sogni alla Magnifica Realtà del Possibile. ARK, 7, 38-40.

Premio Bergamo d'Architettura 2011: dalle Macerie dell'Economia dei Sogni alla Magnifica Realtà del Possibile

CARBONI MAESTRI, Gregorio
2011-01-01

Abstract

Nell’ultimo ventennio il capitalismo globale si è sempre più staccato dall’economia reale, dalla centralità dell’industria, del lavoro, della produzione di beni. New Economy, finanziarizzazione, terziarizzazione, delocalizzazioni, deregolamentazioni, “soldi per soldi”. Era tutto facile, quasi magico: tanta borsa, poco prodotto. Molti sogni, poca realtà. Ci son rimaste le macerie: un incubo chiamato recessione. Di questo processo ha fatto parte l’architettura, perdendosi in congetture lontane dalla realtà: decostruzioni, Derrida, Teoria del caos, fascino compiacente per l’estetica delle megalopoli e dei non-luoghi periferici. In questo ventennio Bergamo, territorio in cui l’industria ha avuto storicamente un ruolo centrale, ha visto scomparire fette importanti della sua economia con ferite geografiche indelebili. Un esempio: l’area ex OTE, area sulla quale ci è stato chiesto di riflettere attraverso un progetto nell’ambito della Scuola Estiva Internazionale organizzata dal DIAP del Politecnico di Milano. Il tema al quale dovevamo rispondere era: “Architettura urbana e nuove forme della produzione”.
Settore ICAR/14 - Composizione Architettonica E Urbana
Settore ICAR/21 - Urbanistica
Settore ICAR/20 - Tecnica E Pianificazione Urbanistica
ARK
Carboni Maestri, G. (2011). Premio Bergamo d'Architettura 2011: dalle Macerie dell'Economia dei Sogni alla Magnifica Realtà del Possibile. ARK, 7, 38-40.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Binder1.pdf

accesso aperto

Descrizione: Complete PDF
Dimensione 8.63 MB
Formato Adobe PDF
8.63 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/82486
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact