Arte e nuove tecnologie: fine della mimesis?