David LaChapelle tra forma e gioco