Il film tra mitologia e perturbante