Il fantasma dell’occupazione appropriativa tormenta i giudici amministrativi