Per un’epistemologia generazionale delle arti