Il concorso esterno tra guerre di religione e laicità giuridica